Perché non possiamo non dirci darwinisti

Pubblicato il da Daniele A. Esposito

Perché non possiamo non dirci darwinisti
Perché non possiamo non dirci darwinisti
Perché non possiamo non dirci darwinisti

Darwin è stato un grande scienziato che ha cambiato d'un tratto il corso degli studi biologici, e non solo, ma era pur sempre un uomo, un singolo, per giunta vissuto un bel po' di tempo fa. La scienza non la fanno i singoli, per quanto geniali, ma è il frutto di un'impresa collettiva e oggetto di un continuo succedersi di novità e colpi di scena.

Edoardo Boncinelli

Il titolo di questo post è tratto da un libro di Edoardo Boncinelli (1941), un gigante della biologia italiana, nonché divulgatore di spicco nel panorama della saggistica. Boncinelli, che si è occupato nella sua carriera prevalentemente di genetica, ci spiega in questo volume perché non possiamo accantonare la fortunata idea che balenò in mente a Darwin oltre un secolo e mezzo fa. E lo fa con una semplicità disarmante senza rinunciare, ovviamente, al rigore scientifico che lo contraddistingue. 

Per farla breve, all'interno di qualsiasi popolazione insorgono sempre nuove mutazioni che contribuiscono a diversificare tra loro gli individui che ne fanno parte. L'ambiente, fungendo da agente di selezione, seleziona positivamente o negativamente ciascuna di queste variazioni favorendo o sfavorendo determinati individui che le portano. Con il tempo le popolazioni subiscono cambiamenti, anche importanti, che  portano, più o meno gradualmente, ad un adattamento sempre migliore all'ambiente in cui vivono. Ovviamente anche l'ambiente può cambiare, quindi le variazioni interne alle popolazioni costituiscono senz'altro un valido strumento per far fronte a scombussolamenti improvvisi dell'habitat naturale.

"Una teoria scientifica - ci dice Boncinelli - non può mai spiegare tutto. Spiega molto bene alcune cose, che appartengono per definizione al suo ambito di validità; ne spiega meno bene altre; è imprecisa, se non sostanzialmente impotente, nello spiegarne altre. La teoria inoltre è soggetta a continui aggiornamenti e perfezionamenti."

Attenzione, infatti, a divinizzare Darwin. Sicuramente è stato un precursore geniale di un nuovo modo di fare scienza. Ma la sua illustrazione del processo evolutivo delle specie, nonostante spieghi un numero impressionante di fenomeni naturali, non è perfetta, presenta qualche incoerenza e alcuni tasselli sembrano mancare. Ma la biologia, per fortuna, non si è fermata al 1859, anno di pubblicazione della prima edizione de L'origine delle specie. Grandi dibattiti, talvolta anche molto aspri, tra gli addetti ai lavori hanno portato il più delle volte a critiche costruttive in riferimento a questo o a quell'aspetto della teoria. Le più significative tra queste sono state successivamente inglobate nella teoria generale, finendo per arricchire e perfezionare il quadro complessivo delle conoscenze proprio in quei punti che sembravano più critici.
Boncinelli è abilissimo proprio nel ripercorrere le principali tappe che hanno via via portato al darwinismo per come lo conosciamo oggi, fornendo al lettore un appassionato resoconto dell'evoluzione dell'evoluzionismo, come solo chi ha vissuto in prima persona quegli eventi può fare.

Leggete questo libro, se volete sapere di cosa state parlando, quando parlate di evoluzione biologica.

 

Per i curiosi ed appassionati del tema consiglio di accostare a questa lettura anche i seguenti titoli:

  • I falsi miti dell'evoluzione. Top ten degli errori più comuni di Cameron McPherson Smith e Charles Sullivan
  • In principio era Darwin. La vita, il pensiero, il dibattito sull'evoluzionismo di Piergiorgio Odifreddi 
  • Il cammino dell'uomo di Ian Tattersall
  • Introduzione a Darwin di Telmo Pievani
  • Una lunga pazienza cieca. Storia dell'evoluzionismo di Giulio Barsanti
  • L'idea pericolosa di Darwin. L'evoluzione e i significati della vita di Daniel Dennett 
  • La teoria dell'evoluzione di Telmo Pievani
  • L'evoluzione umana di Giorgio Manzi
  • In difesa di Darwin. Piccolo bestiario dell'antievoluzionismo all'italiana di Telmo Pievani
  • L'evoluzionista riluttante. Il ritratto privato di Charles Darwin e la nascita della teoria dell'evoluzione di David Quammen 
  • Darwin. Alla scoperta dell'albero della vita di Niles Eldredge
  • Questa idea della vita. La sfida di Charles Darwin di Stephen Jay Gould
  • Il gene egoista di Richard Dawkins
  • Il caso e la necessità di Jacques Monod
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:
Commenta il post